FORRA DI RIOFREDDO
Monte Cucco  -  Pascelupo (Pg)

 
SCHEDA GENERALE

Note descrittive: Canyon imponente, con altissime falesie calcaree che creano una scenografia meravigliosamente inquietante; il percorso Ŕ sovente ostacolato da grandi blocchi, assenti bacini con acque profonde, eccetto un punto dove occorre nuotare qualche metro.
Numerosi i salti da superare in corda od in semplice disarrampicata, che impongono una progressione tecnica ma semplice, con la possibilitÓ di allestire teleferiche, anche per evitare calate e bacini d'acqua.

Itinerario d'accesso e d'uscita Seconda Parte: da il Marchigiano (lungo la strada Perticano - Pascelupo) si devia, scendendo, sulla carrareccia che porta all'Eremo di S.Girolamo. Oltrepassato il ponticello che supera il Rio delle Prigioni si cerca di parcheggiare in qualche modo. Proprio poco avanti il suddetto ponticello, si guada il Rio Freddo, iniziando a seguire il sentiero n. 3 che in circa 40 minuti sale fino al bivio con il sentiero n. 19. Questo porta direttamente all'inizio della seconda parte della Forra di Rio Freddo.
All'uscita della forra si segue il sentiero e quindi la strada dell'Eremo che scende in poco tempo fin dove sono state parcheggiate le auto.

Per i pi¨ allenati Ŕ inoltre possibile effettuare la discesa integrale del canyon, partendo dalla Val di Ranco, in quota sul versante sud del monte Cucco, che richiede molto maggiore impegno per una giornata davvero completa all'insegna della wilderness e dell'avventura...


 

Profilo longitudinale Seconda Parte
       

 

 

-